Via Umberto, 192 - 95129 Catania
Info@recasagroup.it
+39095 7461067
Le imposte da pagare quando compri casa!

Quando acquistiamo una casa, come sai, ci sono delle imposte da pagare: IVA o imposta di registro, l’imposta ipotecaria e l’imposta catastale.

La percentuale da pagare varia in base alle caratteristiche del venditore e dell’acquirente (“prima” o “seconda” casa, privato o impresa costruttrice).

L’acquirente può avere agevolazioni anche se l’immobile non è adibito ad abitazione principale.

PRIMA CASA: le imposte variano in base ai soggetti partecipanti alla compravendita.

SE ACQUISTI DA PRIVATO

  • Imposta di registro 2 per cento
  • Imposta ipotecaria fissa 50 euro
  • Imposta catastale fissa 50 euro

 

SE ACQUISTI DA UN’IMPRESA COSTRUTTRICE (O DI RISTRUTTURAZIONE) CON I LAVORI SULL’IMMOBILE COMPLETATI DA MENO DI 5 ANNI

  • Iva 4 per cento
  • Imposta di registro fissa 200 euro
  • Imposta ipotecaria fissa 200 euro
  • Imposta catastale fissa 200 euro

 

SE ACQUISTI DA UN’IMPRESA COSTRUTTRICE CHE HA TERMINATO I LAVORI DA PIÙ DI 5 ANNI, OPPURE DA UN’IMPRESA NON COSTRUTTRICE CHE SI OCCUPA SOLTANTO DELLA COMPRAVENDITA DELL’IMMOBILE

  • Iva si è esenti (salvo diversa opzione se impresa di costruzione)
  • Imposta di registro 2 per cento
  • Imposta ipotecaria fissa 50 euro
  • Imposta catastale fissa 50 euro

 

SECONDA CASA (quando non ci sono i requisiti da parte acquirente per la “prima casa”)

 

SE ACQUISTI DA UN PRIVATO, DA UN’IMPRESA NON COSTRUTTRICE, DA UN’IMPRESA COSTRUTTRICE DOPO 5 ANNI DALLA FINE DEI LAVORI.

  • Imposta di registro 9 per cento (salvo diversa opzione se impresa di costruzione)
  • Imposta ipotecaria fissa 50 euro
  • Imposta catastale fissa 50 euro

 

SE ACQUISTI DA UN’IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO I 5 ANNI DALLA FINE DEI LAVORI.

  • Iva 10 per cento
  • Imposta di registro fissa 200 euro
  • Imposta ipotecaria fissa 200 euro
  • Imposta catastale fissa 200 euro

 

SU QUALE VALORE SI CALCOLANO LE IMPOSTE?

Se l’acquirente è un privato le imposte di registro, ipotecaria e catastale si possono calcolare sul valore catastale dell’immobile (moltiplicata 115,50 per prima casa e per 126 negli altri casi).

Se, invece, l’acquirente non è un privato oppure se la compravendita riguarda terreni, negozi e uffici, il calcolo delle imposte non tiene conto del valore catastale ma del prezzo dichiarato nell’atto d’acquisto. L’IVA si calcola sempre sul prezzo, MAI sul valore catastale. Le imposte di registro, ipotecaria e catastale si pagano direttamente dal notaio al momento della registrazione dell’atto di compravendita.

***

Fonte: Gruppo Tecnocasa

Newsletter

Send this to friend

All for Joomla All for Webmasters